Click 3 – Il Congresso enigmistico

  • 11 Giugno 2018

Sono reduce dal Congresso Enigmistico di quest’anno che si è tenuto nei giorni scorsi a Torino. Siete curiosi di sapere cosa fanno gli enigmisti durante il loro annuale raduno? Be’, è semplice: si divertono!
Risposta semplicistica? Allora vediamo di raccontare con calma cosa abbiamo fatto. Intanto abbiamo iniziato con un bel giro per Torino, poi abbiamo affrontato gare di composizione e di soluzione, delle sedute per discutere se ci sono delle modifiche da apportare alle regole dei giochi che vengono pubblicati, e alla fine ci sono state le tanto agognate premiazioni delle gare di questi giorni, ma anche delle competizioni che ci hanno tenuti impegnati tutto l’anno passato.
Intanto una precisazione: per enigmistica tanti intendono le parole crociate, che non sono proprio il nostro campo d’interesse: i giochi che abbiamo affrontato sono quelli ospitati di solito nella Pagina della Sfinge, cioè rebus, crittografie, anagrammi, sciarade, zeppe, lucchetti e tanti altri, dai nomi sconosciuti ai più e che vi invito a scoprire.
Gare di composizione: ci vengono dati dei temi, e poi ogni autore ha un tempo limitato per costruirci un gioco enigmistico. Ad esempio, visto che eravamo a Torino, il tema di una gara è stato il dipinto La Sacra Sindone di Giovanni Battista della Rovere, ospitata nella Galleria Sabauda. Ebbene, in coppia l’enigmista Bardo ed io abbiamo composto un rebus ed un indovinello che avevano per tema proprio quel disegno (e siamo risultati campioni in questa gara).
Ci sono state anche gare di soluzione, una in particolare curiosa: era una gara di rebus che avevano come disegno foto di Torino scattate durante la nostra passeggiata della quale parlavo sopra.
La lingua italiana cambia in continuazione e nuovi termini ci vengono proposti di continuo, quindi anche la lingua enigmistica va rivisitata e questo ci permette di creare giochi sempre nuovi e mai ripetitivi: neologismi italiani e stranieri, nomi di nuovi personaggi, sigle e marche nuove ci danno un’infinità di parole che, credo, non faranno mai finire il nostro passatempo.
Spero di avervi incuriositi, e in caso affermativo, vi aspetto con i prossimi articoli. Ho tante cose da dirvi.
Nell’immagine potete vedere me a sinistra e Orofilo, enigmista piemontese a destra, poco prima di una gara.

Archivio blog

  • 2019 (292)
  • 2018 (363)
  • 2017 (275)
  • 2016 (255)
  • 2015 (189)
  • 2014 (147)
  • 2013 (56)
  • 2012 (2)
  • 2007 (2)
  • 2001 (1)
  • 1970 (1)

Altri articoli

Vedi tutti