Click 34 – Che cos’è?

  • 10 Dicembre 2018

Tra un po’ capiremo il significato di questo titolo bizzarro; per il momento chiedo che legame ci può essere tra un cibo (da individuare) e un tipo di finestra.

Nel frattempo prendiamo la carta geografica e vediamo di rispondere ad un quesito che forse tanti si sono posti: Ventimiglia, la celebre cittadina vicina al confine con la Francia, si chiama così perché dista 20 miglia da…?

Ho faticato parecchio a misurare con i mezzi tecnologici la distanza da Ventimiglia a varie località, e la soddisfazione migliore mi è stata data da Badalucco, che dista 34 chilometri, cioè circa 20 miglia da Ventimiglia: Nizza, Principato di Monaco, Genova, Imperia, Taggia e altre località hanno distanze diverse. Ma allora… andiamo a cercare e wikipedia mi conferma i dubbi: l’etimologia di Ventimiglia mi dice che la località si chiamava Albom Intemeliom, cioè città dei Liguri Intemeli, e con successive modifiche nei secoli si è arrivati al termine usato oggi.

Ma non divaghiamo: dovevamo trovare due termini molto diversi (un cibo e una finestra) con un certo legame. Ebbene, facendo una ricerca simile a quella fatta sul nome della località ligure, ho scoperto che il cibo mangiato dagli Ebrei nel deserto, cioè la manna, e la finestra che si apre dall’alto, cioè vasistas, hanno la stessa origine, come termine. Nel libro dell’Esodo si narra che gli Ebrei affamati, nel veder cadere un cibo a loro sconosciuto, si fossero chiesti “Man hu?”, cioè “Che cos’è?”. Ma anche l’inventore della finestra che si apre attorno ad un perno fisso nel lato inferiore si è sentito chiedere “Was ist das?”, cioè “Che cos’è?” dagli amici tedeschi, e scherzosamente ha dato questo nome alle finestre.

Ecco che manna e finestra vasistas hanno la stessa origine… chi l’avrebbe mai detto?

Archivio blog

  • 2019 (345)
  • 2018 (363)
  • 2017 (275)
  • 2016 (255)
  • 2015 (189)
  • 2014 (147)
  • 2013 (56)
  • 2012 (2)
  • 2007 (2)
  • 2001 (1)
  • 1970 (1)

Altri articoli

Vedi tutti